La ragazza di Niscemi (archiviata)

Non si deve paragonare, come purtroppo ha fatto recentemente l'attuale Presidente della Camera G. Fini, un ragazzo ucciso a Verona da un branco di neonazisti a dei manifestanti antisionisti che bruciano le bandiere di Israele. No, non sta bene fare paragoni. Ma perchè la morte assurda del ragazzo a Verona è più gettonata, studiata, analizzata e filmata dai media (stampa compresa), dalle associazioni, dalle istituzioni ecc? La notizia dell'uccisione della ragazza di Niscemi non fa politica nè polemica, non provoca analisi sociologiche nè cortei di protesta e lascia il suo corpo lacerato e affogato alle programmazioni tv "sangue e spazzatura". Perchè in questo caso non si è aperta la discussione sulla condizione di vita delle e degli adolescenti al sud? Di come i ragazzi e le ragazze nell'infernale meridione, e lo abbiamo visto per i fratelli di Gravina, pascolino abbandonati dai genitori e dalla scuola in luoghi degradati e tetri. Perchè non ci si è soffermati a riflettere sul fatto che il modo di dare le notizie dei media, ha fatto diventare "normale" uccidere le donne, sia da parte di singoli individui, sempre di sesso maschile, sia da parte di gruppi di maschi, anche adolescenti. Poi se la donna è del sud, allora buonanotte, un paio di giorni di tv dell'orrore ed è archivio. Orrore senza riflessione uguale: percezione dell'insicurezza e conseguente Stato di Polizia.



2 Commenti to “La ragazza di Niscemi (archiviata)”

  1.   girasole Says:

    Della serie: come comprendere che cosa sia davvero l’”informazione” oggi.

    Basta guardare i tg di oggi che hanno aperto tutti con un quarto d’ora abbondante sulle notizie di campionato. Queste sono davvero le cose importanti, le cose di cui si deve parlare al fine d’ottenebrare le menti.

    Svegliatevi gente!

    Bel post.

  2.   caravaggio Says:

    bel post complimenti. Non sono però d’accordo sul fatto che l’opinione pubblica sia rimasta poco scossa perchè si trattava di una ragazza del sud. Problemi del genere, mi riferisco a quelli adolescenziali, colpiscono tutta l’Italia in modo uguale. La scarsa importanza penso sia dovuta al campionato… non ad una discriminazione NORD/SUD. Anzi ti dirò questa notizia mi ha molto colpito. mi sono posta molte domande, come ad esempio se fossi la madre di uno di quei ragazzi come mi comporterei… Qual’è la “punizione” più appropriata? Quali garanzie che un domani non lo rifacciano? Violentare e uccidere a quell’età per un motivo così futile… mi fa molto riflettere…. Ciao alla prox